Terremoto Marche-Umbria 1997

 

A.R.I. Sezione di Perugia (pagina web originale del resoconto 1997 )
 

L'ARI e la Protezione Civile: il Sisma Umbria/Marche 1997 ARI and the Umbria/Marche's Earthquake in 1997

Riportiamo qui di seguito un rapporto sulle attività svolte dai radioamatori dell'ARI nell'ambito della Protezione Civile durante il sisma che ha colpito Umbria e Marche a partire dal 26.09.1997.

Non riportiamo in questo rapporto le decine e decine di nominativi dei radioamatori che hanno dato il loro prezioso contributo, ma a loro va il più sentito apprezzamento e ringraziamento per la disponibilità e la disciplina dimostrata in quei momenti così difficili per tutti. Il nostro apprezzamento va naturalmente non solo agli operatori della Sezione di Perugia, ma a tutte le Sezioni Umbre che hanno partecipato alle operazioni unendo i propri sforzi per coprire tutto il territorio.

NOTTI DI TERRORE E LA TERRA TREMA ANCORA

Migliaia di crolli, le vie trasformate in trappole mortali, le città medioevali piene di fascino e spesso con monumenti di rara bellezza via via si sono sbriciolate, migliaia di persone in fuga verso uno spazio per la salvezza. Si forma il caos più totale e il panico prende chiunque. E' un disastro. Dopo lo smarrimento e con il terrore in cuore, chi può attiva il cellulare ma nessuna via telefonica è praticabile. Dalle città maggiori, Perugia, Foligno, Spoleto le Autorità si attivano e cercano con ogni mezzo possibili notizie oltre che per le città stesse anche per le località, le frazioni dislocate in una vastissima area. Area che poi verrà definita per oltre 50 Comuni per la parte Umbra e oltre 30 per le Marche. Pensate che la Protezione Civile l'otto ottobre aveva allestito oltre 50mila posti letto in tende, roulottes e locali pubblici agibili per riparare la popolazione colpita.

In piena notte, mentre si attua il piano operativo per l'attivazione della Sala radio ARI della Prefettura di Perugia e del centro principale di Foligno, si intuisce che l'emergenza è molto grave. Le comunicazioni dei radioamatori raccolte attraverso i ripetitori R0 di Foligno, R6 di Perugia, R4 di Terni con decine e decine di segnalazioni dall'Umbria, dalle Marche, dal Lazio e dalla Toscana portano in non più di 15 minuti a delineare in modo concreto il probabile epicentro e le zone più colpite. Da apprezzare, in quei momenti, la disciplina adottata da tutti. Le comunicazioni, pur concitate hanno avuto brevità e concretezza essenziale e confermo che in pochi minuti sono state annotate oltre 100 segnalazioni.

La Prefettura di Perugia si è attivata con rapidità, così anche la Regione Umbria con i propri Centri Operativi e così alcuni Comuni dotati di più specifica preparazione all'emergenza, come il Comune di Foligno, altri Comuni hanno faticato di più a trovare le vie di raccordo essenziali per la tempestività degli interventi con particolare riguardo alla necessità di disporre di mezzi immediati idonei per le comunicazioni.

Questa necessità di disporre di mezzi di comunicazione alternativi alle reti telefoniche per ore inutilizzabili sia per i guasti sia per il sovraccarico si è fatta sempre più impellente per tutte le Autorità preposte ai soccorsi. Come la necessità di avere piani di intervento preordinati per l'organizzazione dei soccorsi si è posta altrettanto in evidenza con cruda realtà.

In questi frangenti terribili, il ripetersi di scosse notevoli ha messo a dura prova chi ha dovuto approntare i soccorsi in situazioni ambientali pericolose e traumatizzanti. Questo vale anche per tutti quei radioamatori del territorio colpito che, hanno lasciato con apprensione le proprie famiglie, per avviarsi nei punti di volta in volta indicati dai coordinatori per operare nelle reti radio di emergenza. Qualcuno , guardando agli eventi da lontano, tenta di esprimere valutazioni negative sulle procedure e operazioni svolte in quel lungo periodo, per tante notti a tanti giorni: non si può non tenere conto di tutto il contesto sopra espresso e degli alti risultati comunque ottenuti in quelle condizioni. Chi è stato "sul campo" sa che le lagnanze che ci sono state rivolte sono ingiuste e smentite dai fatti.

SCOSSE A RIPETIZIONE E DI NOTEVOLI INTENSITA'

26/09/97  ore 02,33  8° grado 26/09/97  ore 11,40  27/09/97  ore 19,20  03/10/97  ore 10,55  04/10/97  ore 17,07  04/10/97  ore 18,13  6/7° 08/10/97  ore 01,23  14/10/97 ore 17,25  7/8°

INTERVENTI RADIOAMATORI ARI

Dopo la forte scossa delle 02,33, in piena notte, del 26/9/97 si è provveduto a raggiungere la Prefettura di Perugia ed è stata attivata la sala radio con operazioni su tutte le frequenze sin dalla ore 03,20 della stessa notte. ( presenti due operatori Ari Perugia).

Nel contempo risulta attivata la postazione radio presso il centro operativo aperto dal Comune di Foligno nei locali del Comando Vigili Urbani (presente ARI Foligno). La stessa Sezione ha provveduto ad inviare nella notte vari radioamatori in alcune località in cui si supponevano danni notevoli poiché poste nelle zone dell'epicentro di Colfiorito individuato dall'Osservatorio Sismologico "Bina" di Perugia.

 

Prima dell'alba molte notizie sono state raccolte e fornite subito alle competenti Autorità attivatesi per le procedure di intervento, con preparativi di mezzi e uomini necessari. Le nostre notizie sono state integrate con quelle fornite dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri. I telefoni per diverse ore sono stati inservibili per i danni e il sovraccarico di traffico rendendo impossibile qualsiasi chiamata verso le zone colpite.

Alle ore 08 dello stesso 26 il Prefetto di Perugia ha emesso la prima ordinanza con cui si costituiva il primo COM in Foligno al fine di favorire l'attività di soccorso a seguito delle segnalazioni di feriti e gravi danni a numerose abitazioni situate nelle frazioni dislocate nelle zone di montagna. Le Sezioni di Perugia, di Foligno, di Trevi e Spoleto dalla stessa mattinata hanno dato disponibilità con propri associati per allargare la copertura delle reti radio per le comunicazioni di emergenza e creare turni per il cambio degli operatori.

Purtroppo durante questi frenetici momenti di attività assieme all'organizzazione di protezione Civile che si stava attivando, una nuova grave scossa alle ore 11,40 dello stesso 26/09/97 ha creato scompiglio e terrore provocando ulteriori gravissimi danni, ampliando così il territorio interessato ai soccorsi urgenti. I messaggi radio dei radioamatori seguiti a quei tragici momenti sono consistenti. Le frequenze utilizzate in contemporanea sono cinque - R0 - RU0 - R6 - R3A e R4 per Roma, fanno fatica a smaltire i messaggi urgenti dalle zone colpite ai COM e da questi al CCS Prefettura.

Sono minuti interminabili, i telefoni non funzionano, nemmeno le linee preferenziali sono praticabili. Vengono trasmesse richieste di soccorsi per il crollo della Basilica superiore di Assisi, tre morti e vari feriti - Evacuazione dell'Ospedale di Foligno - Evacuazione dell'Ospedale di Nocera Umbra e parte di quello di Assisi - Ulteriori crolli di edifici, case, stalle con animali travolti, Torri e Palazzi lacerati strade e ferrovie bloccate, disperazione tra la gente.

Da evidenziare che i radioamatori hanno proseguito l'opera iniziata, malgrado gli stessi fossero interessati direttamente dagli eventi e lasciando le proprie famiglie hanno garantito l'efficacia delle comunicazioni con ogni condizione. Da evidenziare l'opera primaria prestata da tanti radioamatori ARI sin dal primo momento e a seguire nel territorio del COM di Foligno il più grande per territorio colpito. Tantissimi radioamatori delle Sezioni di Foligno di Perugia, di Trevi e di Spoleto hanno partecipato, per giorni, a sostenere i turni nelle varie postazioni attivate.

Nei giorni successivi le attività radio sono state utilizzate per lo smistamento logistico, per l'individuazione dei posti di ricovero, per il supporto all'organizzazione delle squadre di oltre 3.000 volontari giunti da ogni parte d'Italia. Altrettanta utilità hanno avuto le comunicazioni per lo smistamento di Roulottes e viveri e dei mezzi di trasporto tende e attrezzature e per messaggi tra Funzionari dei vari campi e i COM. All'8 ottobre erano attivi con la P. Civile n° 10.222 soccorritori: 3.000 Volontari (tra cui più di 80 radioamatori) - 1.599 Vigili del Fuoco - 1.920 Carabinieri - 1.397 militari dell'Esercito - 859 agenti di polizia - 259 finanzieri - 297 del Corpo Forestale - 454 della Croce Rossa - 274 Tecnici rilevatori e 170 addetti ai Centri Operativi.

POSTAZIONI ATTIVATE DAL 26/09/97

CCS Prefettura Perugia H24, ogni giorno 3 operatori con turni di 07 -14 / 14 -21 / 21 - 07. Ogni settimana turni garantiti 21, più il coordinamento;

COM Foligno collegato con le seguenti località colpite: Belfiore, Rasiglia, Annifo, Colfiorito1, Colfiorito 2, Casenove, Verchiano, Capodacqua, Sellano, (per i primi 3 giorni anche l'Aeroporto di Foligno). H24, ogni giorno operatori necessari a 12 ore per campo 9 x 2 = 18 più 2 0 3 al COM - Ogni settimana turni garantiti 20, più il coordinamento;

Con ulteriori Decreti Prefettizi del 28 e del 30/9/97 sono stati costituito altri COM. L'attività radio è stata quindi estesa al COM di Assisi con altri operatori della sezione di Perugia e al COM di Nocera Umbra affidato alla sezione di Trevi che aveva comunicato via fax alla Prefettura la sua disponibilità.

Dal CCS Perugia, nei primi 5 giorni sono stati garantiti i collegamenti in VHF e HF con il Dipartimento della P.C. di Roma ove operavano altri colleghi;

Dal 16/10/97, a seguito dei gravi danni provocati dalla scossa del 14/10/97 con estensione nei territori della Val Nerina ( Preci, Cascia, Norcia ecc.) è stato costituito un nuovo COM in Borgo Cerreto, località sita in una stretta valle con monti da 1.200 - 1.400 metri attorno. Con fax della Prefettura è stato chiesto alla sezione di Spoleto (la più vicina) di assumere il coordinamento radio di tale COM.

TERRITORI E COMPOSIZIONE DEI C.O.M. al 16/10/97

  • CCS Centro Coordinamento Soccorsi Prefettura di Perugia
  • COM Assisi Comuni: Assisi, Bastia Umbra, Cannara;
  • COM Nocera Umbra Comuni: Nocera Umbra;
  • COM Gualdo Tadino Comuni: Gualdo tadino, Costacciaro, Sigillo, Fossato di Vico, Scheggia, Valfabbrica;
  • COM Foligno Comuni: Foligno, Bevagna, Valtopina, Montefalco, Spello, Trevi, Sellano;
  • COM Cerreto di Spoleto Comuni: Cerreto, Preci, Cascia, Norcia, Vallo di Nera, S.Anatolia, Monteleone, Scheggino, Poggiodomo

ATTIVITA' CON LA REGIONE UMBRIA

Da notare che la nostra associazione intrattiene ottimi rapporti con la Regione Umbria - Assessorato al Territorio e Protezione Civile. Infatti presso la stessa struttura da alcuni anni è stata allestita una ottima sala operativa compresa una sala radio con tutte le apparecchiature necessarie ai radioamatori per operare in caso di necessità.

Mentre le operazioni di soccorso coordinate dalla Prefettura venivano sviluppate, anche dalla sala operativa della Regione alcuni radioamatori addetti a tale compito (ARI sezione Perugia) hanno attivato sin dai primi minuti dopo la prima scossa delle 02,33 del 26/09/997 le apparecchiature in dotazione alla sala radio integrando le comunicazioni radio delle reti attive nell'intera Provincia

INTERVENTI DI ALTRE SEZIONI FUORI PROVINCIA

Con il prolungarsi del tempo la fatica si è fatta sentire in tutto il territorio e sono stati graditi gli interventi di radioamatori giunti da fuori sin dal 5-6 ottobre per sostenere le operazioni gestite dal COM di Foligno il Centro Operativo più grande e impegnato. In questo si sono notate in particolare le sezioni di Senigallia, di Rieti, di Viterbo e di Terni, che oltre a quelle di Foligno, Spoleto, Trevi e Perugia hanno inviato operatori.

INTERVENTI DI ALTRI GRUPPI

Le stazioni radio operanti dal CCS Prefettura e da tutti e 5 i COM sono state sempre gestite dalle strutture ARI. Tutte le comunicazioni radio dalle località interessate sono state organizzate su più frequenze UHF - VHF e HF in base al piano attuato dalle Sezioni ARI. Gli operatori di varia natura se sono entrati nei servizi radio sono stati indirizzati nei luoghi operativi sempre dalle strutture ARI.

INTERVENTI DA FUORI REGIONE

Il 14/10/97 dopo aver costatato le difficoltà per la presenza con "reperibilità" ed a seguito del perdurare dell'emergenza su un vasto territorio, il Responsabile Volontariato CCS della Prefettura di Perugia ha ritenuto necessario che si formulassero richieste alle Regioni esterne per reperire altri operatori radioamatori. Sono giunti per primi tre operatori dal Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia, che dal 18/10/97 hanno operato dalla Prefettura perugina e per alcuni giorni nelle località colpite con traffico verso i COM. E' stato interessato anche il C.R. Toscana, che ha dato disponibilità di gruppi operativi per 10 - 12 giorni. Il Coordinatore del CCS ha però disposto la messa in attesa del C.R. Toscana con un fax del 18/10/97 della stessa Prefettura. Contemporaneamente sono stati anche allertati: Varese, Viterbo, il C.R. Lazio ed altri, sempre su richiesta della Prefettura di Perugia.

 

 

 

  

Connettività Internet ?

Previsioni Meteo Umbria

Risorse di RADIOASTRONOMIA ed E.M.E. by I0NAA

IQ0PG & IQ0PG/P awards


 
 
  
 

 

  
 
 
 

SOLAR DATA PROPAGATION

*** RSS ARI NAZIONALE

Portale ufficiale dell'ARI - Associazione Radioamatori Italiani
  • [OMISSIS] P.Q.M. Il giudice, definitivamente pronunciando sulle domande delle parti, ogni altra domanda, istanza ed eccezione disattesa così provvede:  - rigetta le domande avanzate da Franco Badano, Antonio Candia, Roberto Maria Danesi de Luca, Erasmo Guerra, Antonino Mallamaci, Antonello Passarella e Massimo Tegner, nei confronti di ARI - Associazione Radioamatori Italiani; - condanna gli attori in solido al pagamento in favore della convenuta delle spese del presente giudizio che si liquidano in complessivi € 6.394,00 per compensi, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15%, Cpa e Iva. Milano, 17 giugno 2019 Il giudice Laura Massari Clicca per scaricare la sentenza completa in PDF

  • La 44a edizione della Fiera è in programma da venerdì 21 a domenica 23 Giugno. Il complesso che ospiterà la "International Amateur Radio Exhibition" è quello abituale, nella zona industriale della località. Si tratta, infatti di un evento dedicato al radiantismo a 360° ed ecco che la vendita o lo scambio di materiale, diventa solo uno degli aspetti dei tre giorni di manifestazione. I dettagli sono pubblicati sul sito della fiera. Sul sito, trovate anche tutte le indicazioni utili per raggiungere Friedrichshafen con qualsiasi mezzo. Ma prima di augurare buona visita a tutti desideriamo informarvi che quest'anno, l'ARI sarà presente in grande stile con un proprio spazio che davvero, credeteci, vale la pena di visitare. Se passate da Friedrichshafen, non mancate  di venirci a trovare allo stand A1-890!

  • Meeting ARI IVREASabato 22 Giugno 2019 Ore 10.00 – Incontro presso la Sezione ARI di Ivrea - Dalle ore 10.00, presso la Sezione ARI di Ivrea sita in via Dora Baltea 1, sarà offerto il rinfresco ai Soci e amici, durante il quale saranno esposte le attività svolte dalla Sezione e i progetti in programma per il futuro. Non è richiesta la prenotazione ma è gradita una segnalazione di partecipazione. Ore 12.30 – Pranzo presso il ristorante Settimo Cielo di Burolo (TO) - Dalle ore 12.30, presso il ristorante Settimo Cielo sito in Via Bridola 5 a Burolo (TO), è previsto l’incontro per il pranzo con Soci e amici. Per partecipare al pranzo è necessaria la prenotazione entro e non oltre Sabato 15 giugno p.v. non esitare a contattare Aldo I1HHH, che sarà a disposizione per qualsiasi informazione: e-mail: i1hhh(at)libero.it Fonte: ARI Ivrea

  • Nei prossimi giorni arriveranno ai domicili di tutti i Soci le schede per il rinnovo del Consiglio Direttivo Nazionale per il triennio 2019-2022. Le persone che saranno chiamate alla guida del nostro Sodalizio non potranno esimersi dal mantenere i risultati ottenuti dall’attuale CDN e consolidare lo standard qualitativo odierno. Il Consiglio Direttivo che sarà eletto avrà il compito di assicurare la serenità nella vita sociale, attraverso il possibile ed ulteriore miglioramento dei rapporti con le Sezioni ed i Comitati Regionali. La concretezza - unita all’esperienza specifica - e non certo la redazione di programmi fantasiosi, consentirà il raggiungimento di obiettivi comuni sia per i giovani soci che per coloro che appartengono da tempo al sodalizio. Dovrà essere rispettato il principio generale della democraticità della struttura e l’assenza di discriminazioni fra le persone e per tali ragioni è auspicabile una massiccia partecipazione dei Soci al referendum. Chi firma questo invito al voto si è impegnato, assieme a tutto il CDN uscente, per azzerare le criticità e riportare la nostra Associazione fuori dalle secche della litigiosità. Possiamo ben dire di esserci riusciti e questo ci ha permesso di avviare un vero e proprio nuovo corso per modernizzare e rilanciare la nostra ARI in un momento in cui il ripiegamento su se stessi e la scarsa fiducia nell’associazionismo in genere, rischiano di creare soltanto individui isolati nella società che non mettono a disposizione della collettività la loro esperienza, i loro suggerimenti e il loro bagaglio tecnico. Le polemiche sterili sui vari Forum e Social sottraggono, questo è sempre stato il nostro parere e di conseguenza il nostro atteggiamento, energie preziose e distolgono dagli obiettivi reali che stiamo perseguendo con tenacia. Al contrario sarà sempre più necessaria una leale collaborazione. Siamo chiamati a disegnare il futuro e la prosperità dell’ARI, che è un compito più importante dall’ottenere like sulla piazza digitale o dal fare promesse nelle varie  Fiere”. Il raggiungimento di un quorum elevato di votanti consentirà  all’ARI di rapportarsi con la Pubblica Amministrazione con autorevolezza, nell’ottica della massima trasparenza ed in conformità alla nuova normativa in materia associativa. La recente riforma, integrativa della disciplina vigente contenuta nel libro primo del codice civile con riferimento al concetto di attività d’interesse generale, impone che sia data piena attuazione alla democraticità della gestione e la partecipazione elevata dei soci al referendum è sintomatica del corretto  funzionamento della nostra Associazione. Non perdete, quindi, l’occasione per manifestare il vostro voto. Grazie! Il Presidente  f.f. Gabriele Villa, I2VGW Il Segretario GeneraleVincenzo Favata, IT9IZY

  • Il DX? Magnifico. Se onesto ancor meglioGabriele Villa, I2VGW   Il DX in primo piano. Padrone, per una volta, della copertina  di RadioRivista e raccontato nelle prime pagine che sfoglierete. Il più amato dagli italiani il DX? Francamente sondaggi che abbiano posto questa precisa domanda alla popolazione radioamatoriale del nostro Paese non credo siano stati fatti ma è fuor di dubbio che al DX si dedichino con passione anche le nuove generazioni di questa nostra variegata popolazione. Insomma, sono e siamo in tanti. E' quasi inutile, infatti che io faccia outing ma lo faccio ugualmente: questa copertina fa piacere innanzitutto a me, non tanto e non solo come direttore di RR ma come dxer . Sono stato piacevolmente rapito dal Dx fin da quando, come SWL, ascoltavo i Dx degli altri e fra gli altri.  

  • Claimed score(last update 1/06/2019 16.00z) Click here to see the claimed score Please report any error to hfcontest.ari(at)gmail.comPlease note that no claimed score for SWL will be provided.

  • Questo il facsimile della scheda che arriverà ad ogni Socio Clicca sull'immagine per scaricare il PDF completo

  • *** RSS A.R.R.L.

    The American Radio Relay League (ARRL) is the national association for amateur radio, connecting hams around the U.S. with news, information and resources.
  • A New Jersey radio amateur, David S. Larsen Sr., WS2L, of Highland Park, will surrender his Amateur Extra-class license and pay a $7,500 civil penalty as part of a Consent Decree with the FCC to settle an enforcement action. An FCC Enforcement Bureau Order released June 18 said Larsen violated the Communications Act of 1934 and Part 90 rules by operating on frequencies licensed to the Borough o...

  • D41CV on Cape Verde Islands and FG8OJ in Guadeloupe spanned the Atlantic Ocean on 2 meters for the first time on June 16, according to reports. The distance was 3,867 kilometers (2,397.5 miles). The historic contact was made on 144.174 MHz using FT8 mode.“The mode of propagation was most likely marine ducting, with the signal traveling in a layer near the ocean surface,” said John Desmond, EI7G...

  • At the request of authorities in India’s Gujarat Province, Rajesh Vagadia, VU2EXP, and his niece Shyama Vagadia, VU3WHG, deployed on June 12 to Porbandar to offer emergency communication support in the event the Category 3 Cyclone Vayu struck Gujarat. On short notice, they installed HF and VHF stations, equipped with digital communication. Rajesh Vagadia said a lot of hams checked in and remain...

  • Paul Stiles, KF7SOJ, will become ARRL Montana Section Manager on October 1. Stiles, of Billings, was the only candidate after nominations for the position were re-solicited this spring, and will serve an 18-month term. He will take over the position following George Forsyth, AA7GS, of Great Falls, who decided not to run for a new term after serving since 2013. There are no contested seats in th...

  • ARRL has announced its Field Day 2019 W1AW bulletin schedule.Friday, June 21  Mode   Pacific   Mountain   Central   Eastern   UTC   CW   5:00 PM   6:00 PM   7:00 PM   8:00 PM   0000 (Sat)   Digital   6:00 PM   7:00 PM   8:00 PM   9:00 PM   0100   Phone   6:45 PM   7:45 PM   8:45 PM   9:45 PM   0145   CW   8:00 PM   9:00 PM   10:00 PM   11:...

  •  The ARRL Foundation has announced the 2019 recipients the scholarships it administers.The ARRL Foundation General Fund Scholarship, $2,000 eachMarisa K. Allyn, KF7NER, Sammamish, WAJonathan L. Doorn, KG5CUK, White Rock, NMIan J. Hofbeck, KG7GDZ, Lynnwood, WAShefali K. Janorkar, KD2FIW, Staten Island, NYJonathan D. Williams, K5DVT, Huntsville, ARJohn T. Wirt, KD8SWT, Howell, MIThe ARRL Rocky Mo...

  • ARRL has filed an interim report with the FCC in order to report on its efforts to find common ground regarding issues surrounding the “symbol” or “baud” rate proceeding, FCC Docket WT 16-239 (the FCC has issued a Notice of Proposed Rulemaking in WT 16-239, which stemmed from ARRL’s rulemaking petition RM-11708). ARRL highlighted that the public benefits from the FCC’s “fairly flexible” regulat...

  • *** RSS DX ZONE

    Latest articles, reviews and links posted to The DXZone.com, an amateur radio, cb radio, scanning and shortwave radio, reference site The DXZone.com
  • Long Wire Antenna for portable operations, ICOM IC-7610 review by PD9Z, TelTad Online Shop, ADALM-PLUTO SDR, DX HOLIDAY

  • Build your own RF-Choke, End-Fed antenna for 17 and 12 meters, Harbach Electronics - Amateur Radio Amplifier Parts, Delta Loop DX Antenna for 40 meters band, UKW-Berichte Telecommunications, F-troop, VK6FLAB Podcasts - Foundations of Amateur Radio

  • Isotron Antennas, Maria Maluca by DL4AC, G3TSO Mobile Antenna Page, Flag Database - Miniflags by Mooney, Microwave Transverters Projects

  • IC-R20 by Icom. Wideband Receiver Professional radioreceiver, allow double receiver, from HF to Microwave, digital recorde, DTCS, Memories and 11 hours countinuous reception.

  • Manufacturers/QRP KitsMakers of QRP HF General Coverage Transceiver you can build. The Home of BITX transceivers, µBITX General Coverage Receiver-Transmitter. . A general coverage, 10 watts HF SSB/CW transceiver kit with features you NEED for operating ease, convenience and versatility. It works from 3 MHz to 30 MHz, with up to 10 watts on SSB and CW, with a very sensitive receiver.

  • Antennas/30MHomebrew 30 meter full quarter wave vertical antenna.

  •  

     

     

     

    WebPages soci ARIPG

    I0NAA  Mario

    IK0FUX  Francesco

    I0GEJ  Lidio

    I0GEJ  Lidio on G+

    IK0UTM  Vanni

    IK0XBX  Francesco

    IK0YUT  Luigi

    IZ0ABD  Francesco

    IZ0DXD  Sergio

    Announced DX Operations 

     

    NEWS DX OPERATION

    DX News DX Information for DXers
    Free business joomla templates