Terremoto Marche-Umbria 1997

 

A.R.I. Sezione di Perugia (pagina web originale del resoconto 1997 )
 

L'ARI e la Protezione Civile: il Sisma Umbria/Marche 1997 ARI and the Umbria/Marche's Earthquake in 1997

Riportiamo qui di seguito un rapporto sulle attività svolte dai radioamatori dell'ARI nell'ambito della Protezione Civile durante il sisma che ha colpito Umbria e Marche a partire dal 26.09.1997.

Non riportiamo in questo rapporto le decine e decine di nominativi dei radioamatori che hanno dato il loro prezioso contributo, ma a loro va il più sentito apprezzamento e ringraziamento per la disponibilità e la disciplina dimostrata in quei momenti così difficili per tutti. Il nostro apprezzamento va naturalmente non solo agli operatori della Sezione di Perugia, ma a tutte le Sezioni Umbre che hanno partecipato alle operazioni unendo i propri sforzi per coprire tutto il territorio.

NOTTI DI TERRORE E LA TERRA TREMA ANCORA

Migliaia di crolli, le vie trasformate in trappole mortali, le città medioevali piene di fascino e spesso con monumenti di rara bellezza via via si sono sbriciolate, migliaia di persone in fuga verso uno spazio per la salvezza. Si forma il caos più totale e il panico prende chiunque. E' un disastro. Dopo lo smarrimento e con il terrore in cuore, chi può attiva il cellulare ma nessuna via telefonica è praticabile. Dalle città maggiori, Perugia, Foligno, Spoleto le Autorità si attivano e cercano con ogni mezzo possibili notizie oltre che per le città stesse anche per le località, le frazioni dislocate in una vastissima area. Area che poi verrà definita per oltre 50 Comuni per la parte Umbra e oltre 30 per le Marche. Pensate che la Protezione Civile l'otto ottobre aveva allestito oltre 50mila posti letto in tende, roulottes e locali pubblici agibili per riparare la popolazione colpita.

In piena notte, mentre si attua il piano operativo per l'attivazione della Sala radio ARI della Prefettura di Perugia e del centro principale di Foligno, si intuisce che l'emergenza è molto grave. Le comunicazioni dei radioamatori raccolte attraverso i ripetitori R0 di Foligno, R6 di Perugia, R4 di Terni con decine e decine di segnalazioni dall'Umbria, dalle Marche, dal Lazio e dalla Toscana portano in non più di 15 minuti a delineare in modo concreto il probabile epicentro e le zone più colpite. Da apprezzare, in quei momenti, la disciplina adottata da tutti. Le comunicazioni, pur concitate hanno avuto brevità e concretezza essenziale e confermo che in pochi minuti sono state annotate oltre 100 segnalazioni.

La Prefettura di Perugia si è attivata con rapidità, così anche la Regione Umbria con i propri Centri Operativi e così alcuni Comuni dotati di più specifica preparazione all'emergenza, come il Comune di Foligno, altri Comuni hanno faticato di più a trovare le vie di raccordo essenziali per la tempestività degli interventi con particolare riguardo alla necessità di disporre di mezzi immediati idonei per le comunicazioni.

Questa necessità di disporre di mezzi di comunicazione alternativi alle reti telefoniche per ore inutilizzabili sia per i guasti sia per il sovraccarico si è fatta sempre più impellente per tutte le Autorità preposte ai soccorsi. Come la necessità di avere piani di intervento preordinati per l'organizzazione dei soccorsi si è posta altrettanto in evidenza con cruda realtà.

In questi frangenti terribili, il ripetersi di scosse notevoli ha messo a dura prova chi ha dovuto approntare i soccorsi in situazioni ambientali pericolose e traumatizzanti. Questo vale anche per tutti quei radioamatori del territorio colpito che, hanno lasciato con apprensione le proprie famiglie, per avviarsi nei punti di volta in volta indicati dai coordinatori per operare nelle reti radio di emergenza. Qualcuno , guardando agli eventi da lontano, tenta di esprimere valutazioni negative sulle procedure e operazioni svolte in quel lungo periodo, per tante notti a tanti giorni: non si può non tenere conto di tutto il contesto sopra espresso e degli alti risultati comunque ottenuti in quelle condizioni. Chi è stato "sul campo" sa che le lagnanze che ci sono state rivolte sono ingiuste e smentite dai fatti.

SCOSSE A RIPETIZIONE E DI NOTEVOLI INTENSITA'

26/09/97  ore 02,33  8° grado 26/09/97  ore 11,40  27/09/97  ore 19,20  03/10/97  ore 10,55  04/10/97  ore 17,07  04/10/97  ore 18,13  6/7° 08/10/97  ore 01,23  14/10/97 ore 17,25  7/8°

INTERVENTI RADIOAMATORI ARI

Dopo la forte scossa delle 02,33, in piena notte, del 26/9/97 si è provveduto a raggiungere la Prefettura di Perugia ed è stata attivata la sala radio con operazioni su tutte le frequenze sin dalla ore 03,20 della stessa notte. ( presenti due operatori Ari Perugia).

Nel contempo risulta attivata la postazione radio presso il centro operativo aperto dal Comune di Foligno nei locali del Comando Vigili Urbani (presente ARI Foligno). La stessa Sezione ha provveduto ad inviare nella notte vari radioamatori in alcune località in cui si supponevano danni notevoli poiché poste nelle zone dell'epicentro di Colfiorito individuato dall'Osservatorio Sismologico "Bina" di Perugia.

 

Prima dell'alba molte notizie sono state raccolte e fornite subito alle competenti Autorità attivatesi per le procedure di intervento, con preparativi di mezzi e uomini necessari. Le nostre notizie sono state integrate con quelle fornite dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri. I telefoni per diverse ore sono stati inservibili per i danni e il sovraccarico di traffico rendendo impossibile qualsiasi chiamata verso le zone colpite.

Alle ore 08 dello stesso 26 il Prefetto di Perugia ha emesso la prima ordinanza con cui si costituiva il primo COM in Foligno al fine di favorire l'attività di soccorso a seguito delle segnalazioni di feriti e gravi danni a numerose abitazioni situate nelle frazioni dislocate nelle zone di montagna. Le Sezioni di Perugia, di Foligno, di Trevi e Spoleto dalla stessa mattinata hanno dato disponibilità con propri associati per allargare la copertura delle reti radio per le comunicazioni di emergenza e creare turni per il cambio degli operatori.

Purtroppo durante questi frenetici momenti di attività assieme all'organizzazione di protezione Civile che si stava attivando, una nuova grave scossa alle ore 11,40 dello stesso 26/09/97 ha creato scompiglio e terrore provocando ulteriori gravissimi danni, ampliando così il territorio interessato ai soccorsi urgenti. I messaggi radio dei radioamatori seguiti a quei tragici momenti sono consistenti. Le frequenze utilizzate in contemporanea sono cinque - R0 - RU0 - R6 - R3A e R4 per Roma, fanno fatica a smaltire i messaggi urgenti dalle zone colpite ai COM e da questi al CCS Prefettura.

Sono minuti interminabili, i telefoni non funzionano, nemmeno le linee preferenziali sono praticabili. Vengono trasmesse richieste di soccorsi per il crollo della Basilica superiore di Assisi, tre morti e vari feriti - Evacuazione dell'Ospedale di Foligno - Evacuazione dell'Ospedale di Nocera Umbra e parte di quello di Assisi - Ulteriori crolli di edifici, case, stalle con animali travolti, Torri e Palazzi lacerati strade e ferrovie bloccate, disperazione tra la gente.

Da evidenziare che i radioamatori hanno proseguito l'opera iniziata, malgrado gli stessi fossero interessati direttamente dagli eventi e lasciando le proprie famiglie hanno garantito l'efficacia delle comunicazioni con ogni condizione. Da evidenziare l'opera primaria prestata da tanti radioamatori ARI sin dal primo momento e a seguire nel territorio del COM di Foligno il più grande per territorio colpito. Tantissimi radioamatori delle Sezioni di Foligno di Perugia, di Trevi e di Spoleto hanno partecipato, per giorni, a sostenere i turni nelle varie postazioni attivate.

Nei giorni successivi le attività radio sono state utilizzate per lo smistamento logistico, per l'individuazione dei posti di ricovero, per il supporto all'organizzazione delle squadre di oltre 3.000 volontari giunti da ogni parte d'Italia. Altrettanta utilità hanno avuto le comunicazioni per lo smistamento di Roulottes e viveri e dei mezzi di trasporto tende e attrezzature e per messaggi tra Funzionari dei vari campi e i COM. All'8 ottobre erano attivi con la P. Civile n° 10.222 soccorritori: 3.000 Volontari (tra cui più di 80 radioamatori) - 1.599 Vigili del Fuoco - 1.920 Carabinieri - 1.397 militari dell'Esercito - 859 agenti di polizia - 259 finanzieri - 297 del Corpo Forestale - 454 della Croce Rossa - 274 Tecnici rilevatori e 170 addetti ai Centri Operativi.

POSTAZIONI ATTIVATE DAL 26/09/97

CCS Prefettura Perugia H24, ogni giorno 3 operatori con turni di 07 -14 / 14 -21 / 21 - 07. Ogni settimana turni garantiti 21, più il coordinamento;

COM Foligno collegato con le seguenti località colpite: Belfiore, Rasiglia, Annifo, Colfiorito1, Colfiorito 2, Casenove, Verchiano, Capodacqua, Sellano, (per i primi 3 giorni anche l'Aeroporto di Foligno). H24, ogni giorno operatori necessari a 12 ore per campo 9 x 2 = 18 più 2 0 3 al COM - Ogni settimana turni garantiti 20, più il coordinamento;

Con ulteriori Decreti Prefettizi del 28 e del 30/9/97 sono stati costituito altri COM. L'attività radio è stata quindi estesa al COM di Assisi con altri operatori della sezione di Perugia e al COM di Nocera Umbra affidato alla sezione di Trevi che aveva comunicato via fax alla Prefettura la sua disponibilità.

Dal CCS Perugia, nei primi 5 giorni sono stati garantiti i collegamenti in VHF e HF con il Dipartimento della P.C. di Roma ove operavano altri colleghi;

Dal 16/10/97, a seguito dei gravi danni provocati dalla scossa del 14/10/97 con estensione nei territori della Val Nerina ( Preci, Cascia, Norcia ecc.) è stato costituito un nuovo COM in Borgo Cerreto, località sita in una stretta valle con monti da 1.200 - 1.400 metri attorno. Con fax della Prefettura è stato chiesto alla sezione di Spoleto (la più vicina) di assumere il coordinamento radio di tale COM.

TERRITORI E COMPOSIZIONE DEI C.O.M. al 16/10/97

  • CCS Centro Coordinamento Soccorsi Prefettura di Perugia
  • COM Assisi Comuni: Assisi, Bastia Umbra, Cannara;
  • COM Nocera Umbra Comuni: Nocera Umbra;
  • COM Gualdo Tadino Comuni: Gualdo tadino, Costacciaro, Sigillo, Fossato di Vico, Scheggia, Valfabbrica;
  • COM Foligno Comuni: Foligno, Bevagna, Valtopina, Montefalco, Spello, Trevi, Sellano;
  • COM Cerreto di Spoleto Comuni: Cerreto, Preci, Cascia, Norcia, Vallo di Nera, S.Anatolia, Monteleone, Scheggino, Poggiodomo

ATTIVITA' CON LA REGIONE UMBRIA

Da notare che la nostra associazione intrattiene ottimi rapporti con la Regione Umbria - Assessorato al Territorio e Protezione Civile. Infatti presso la stessa struttura da alcuni anni è stata allestita una ottima sala operativa compresa una sala radio con tutte le apparecchiature necessarie ai radioamatori per operare in caso di necessità.

Mentre le operazioni di soccorso coordinate dalla Prefettura venivano sviluppate, anche dalla sala operativa della Regione alcuni radioamatori addetti a tale compito (ARI sezione Perugia) hanno attivato sin dai primi minuti dopo la prima scossa delle 02,33 del 26/09/997 le apparecchiature in dotazione alla sala radio integrando le comunicazioni radio delle reti attive nell'intera Provincia

INTERVENTI DI ALTRE SEZIONI FUORI PROVINCIA

Con il prolungarsi del tempo la fatica si è fatta sentire in tutto il territorio e sono stati graditi gli interventi di radioamatori giunti da fuori sin dal 5-6 ottobre per sostenere le operazioni gestite dal COM di Foligno il Centro Operativo più grande e impegnato. In questo si sono notate in particolare le sezioni di Senigallia, di Rieti, di Viterbo e di Terni, che oltre a quelle di Foligno, Spoleto, Trevi e Perugia hanno inviato operatori.

INTERVENTI DI ALTRI GRUPPI

Le stazioni radio operanti dal CCS Prefettura e da tutti e 5 i COM sono state sempre gestite dalle strutture ARI. Tutte le comunicazioni radio dalle località interessate sono state organizzate su più frequenze UHF - VHF e HF in base al piano attuato dalle Sezioni ARI. Gli operatori di varia natura se sono entrati nei servizi radio sono stati indirizzati nei luoghi operativi sempre dalle strutture ARI.

INTERVENTI DA FUORI REGIONE

Il 14/10/97 dopo aver costatato le difficoltà per la presenza con "reperibilità" ed a seguito del perdurare dell'emergenza su un vasto territorio, il Responsabile Volontariato CCS della Prefettura di Perugia ha ritenuto necessario che si formulassero richieste alle Regioni esterne per reperire altri operatori radioamatori. Sono giunti per primi tre operatori dal Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia, che dal 18/10/97 hanno operato dalla Prefettura perugina e per alcuni giorni nelle località colpite con traffico verso i COM. E' stato interessato anche il C.R. Toscana, che ha dato disponibilità di gruppi operativi per 10 - 12 giorni. Il Coordinatore del CCS ha però disposto la messa in attesa del C.R. Toscana con un fax del 18/10/97 della stessa Prefettura. Contemporaneamente sono stati anche allertati: Varese, Viterbo, il C.R. Lazio ed altri, sempre su richiesta della Prefettura di Perugia.

 

 

 

  

Connettività Internet ?

Previsioni Meteo Umbria

Risorse di RADIOASTRONOMIA ed E.M.E. by I0NAA

IQ0PG & IQ0PG/P awards


 
 
  
 

 

  
 
 
 

SOLAR DATA PROPAGATION

*** RSS ARI NAZIONALE

Portale ufficiale dell'ARI - Associazione Radioamatori Italiani
  • Clicca sull'immagine per ingrandirla

  • La Sezione ARI di Roma è lieta di indire il Diploma del 70° anniversario della Costituzione Italiana in vigore nel nostro paese, in occasione dell’anniversario della sua promulgazione. REGOLAMENTO Partecipazione: OM, YL ed SWL di tutto il mondo. Periodo: da martedì 18 Dicembre 2018 a martedì 1° Gennaio 2019. Bande: tutte le bande HF comprese le WARC (160, 80, 40, 30, 20, 17, 12, 10 m). Modi d’emissione: SSB, CW, MODI DIGITALI. Collegamenti: sono validi i collegamenti con tutti gli operatori appartenenti alla Sezione ARI di Roma che chiameranno: SSB - ” CQ Diploma 70 anni della Costituzione Italiana" CW/Digitali - “CQ 70 CI” Non sono validi i collegamenti tramite ponti ripetitori, trasponder o satelliti artificiali.Sarà attiva anche la Stazione IQ0RM dalla Sezione ARI di Roma, che avrà un valore di punteggio speciale.  

  • Quando gli opposti si attraggonoGabriele Villa, I2VGW Ci sono situazioni, luoghi, cose e, soprattutto, persone, che non c’entrano nulla tra loro eppure si attraggono. Ben più di quanto possano o avessero potuto mai immaginare. Senza scomodare la fisica e la chimica, che lo hanno dimostrato con il magnetismo, è un dato di fatto, non solo una semplice ipotesi azzardata. E quel ben più che un legame di attrazione potremmo sintetizzarlo in una salda indiscutibile, unica, friendship. Dite la verità, quante volte abbiamo abusato un po’ tutti noi radioamatori di questa definizione, che rappresenta una sorta di ombrello protettivo e, talvolta persino di alibi alla nostra comune passione. Eppure, mai come in alcune mie recentissime frequentazioni ho avuto modo di convergere io stesso verso poli opposti ai miei. Perlomeno apparentemente opposti ai miei routinari interessi radiantistici. E quindi di ricredermi, ritrovandomi in una situazione piacevolmente spiazzante.  

  • Durante tutto il mese di dicembre diversi Youngster si attiveranno con stazioni con lo speciale suffisso YOTA. L’idea, promossa dalla IARU Regione 1, ha alla base la volontà di mostrare il radiantismo ai giovani e di incoraggiare i radioamatori più giovani ad essere attivi sulle bande radioamatoriali. Le stazioni attive, in prevalenza dall’Europa, saranno oltre 30 e per l’Italia i due call saranno: II3YOTA e II5YOTA. La lista completa è disponibile all’indirizzo: http://www.ham-yota.com/project-yota-month/ Associata all’attivazione delle stazioni YOTA c’è anche un diploma per le stazioni che avranno collegato un certo numero di stazioni YOTA attive. Ma la finalità principale di chi attiverà queste stazioni DEVE essere manifestare la presenza di giovani alla radio, privilegiando qso in cui si informa il corrispondente delle attività YOTAsvolte, dell’età dell’operatore e informazioni utili a focalizzare la tipicità di queste stazioni e attività. Questo non significa che non ci possano essere pile-up o qso veloci ma non deve essere il solo traguardo. Anzi, deve essere alto il valore di qso svolti da “nuovi” radioamatori, magari anche non necessariamente esperti, ma che trovano il giusto ritmo e soddisfazione nel concludere collegamenti in cui il sapore aggiunto è proprio nella loro giovane età e nell’avvicinarsi o muovere i primi passi nel radiantismo. YOTA Italia attraverso i due call attivi e accreditati si pone come traguardo quello di coinvolgere il maggior numero di operatori under 26 che si alternino nelle attività di questo mese. Se sei uno Youngster non perdere questa occasione per partecipare! Se sei un sostenitore del progetto YOTA questa è una opportunità per coinvolgere nuovi giovani! Contattali, aiutali a fare radio! Per maggiori informazioni contattami attraverso il modulo contatti del sito www.yota-italia.it oppure all’email yota(at)yota-italia.it. Silvio Gaggini, IZ5DIY Coordinatore YOTA Italia

  • Disponibile, in area riservata alle Circolari alle Sezioni, le quote sociali 2019

  • Per il Consiglio Direttivo IT9ZZB Lo Coco Saverio IN3EYI Faraglia Cristian IT9IZY Favata Vincenzo IZ4TOU Tabaroni Luigi I4CQO Comis Giacomo I1JQJ Pregliasco Mauro IK2UVR Anzini  Piero Luigi IX1RPJ Joyeusaz Roberto I0SSH Sartori Graziano IW2NPE Volpi Nicola I2VGW Villa Gabriele IK7JWX De Nisi Alfredo IK2RLS Amore Saverio I5JHW Bini Giovanni I6ONE Molinelli Sergio IS0AGY Melini Ampelio Jose Per il Collegio Sindacale IK1ZFO Tornusciolo Luigi IZ2AMW Reda Paolo IS0ISJ Sanna Giancarlo I5WBE Baldacci Enrico Clicca qui per scaricare i profili dei candidati per il Referendum elettorale

  • In area riservata ai verbali del C.S.N. il verbale della riunionedel Collegio Sindacale del 1 Ottobre 2018inerente l'apertura delle buste relative alle candidatureper le cariche sociali di CDN e CSN per il triennio 2019-2021

  • Desideriamo informarvi che gli uffici della Segreteria ARIresteranno chiusi per ferie dal 22 Dicembre 2018 al 2 Gennaio 2019 compreso. Vi informiamo che le spedizioni dei Vostri ordini riprenderanno l'8 Gennaio 2019 onde evitare disguidi e ritardi ma tutti gli ordini arrivati entro il 22 Dicembre saranno evasi tempestivamente e regolarmente

  • *** RSS A.R.R.L.

    The American Radio Relay League (ARRL) is the national association for amateur radio, connecting hams around the U.S. with news, information and resources.
  • New Amateur Radio on the International Space Station (ARISS) packet equipment awaits unpacking and installation on board the station after arriving in November as part of the cargo transported via a Russian 71P Progress resupply vehicle. The new packet module for NA1SS will replace the current packet gear, which has been intermittent over the past year.“With the arrival of Progress complete, th...

  • The winning article for the December 2018 QST Cover Plaque award is “Making Digital Contacts Through the ISS” by Patrick Stoddard, WD9EWK. The QST Cover Plaque Award -- given to the author or authors of the most popular article in each issue -- is determined by a vote of ARRL members on the QST Cover Plaque Poll web page. Cast a ballot for your favorite article in the January issue today. 

  • Registration now is open for 2019 ConTest University (CTU), Thursday, May 16, 2019, at the Crowne Plaza in downtown Dayton, Ohio. This is the day before Hamvention® opens in Xenia.More than 7,500 students have attended CTU sessions over the last 13 years in eight countries, and more than 100 CTU professors have shared their contesting experiences. The faculty lineup, posted on the CTU website, ...

  • The Radio Club of America (RCA) has announces the appointment of ARRL West Gulf Division Vice Director John Robert Stratton, N5AUS, as Vice President and Co-Counsel. Stratton will coordinate duties with current Vice President and Counsel Chester “Barney” Scholl Jr. A specialist in civil litigation, Stratton holds a bachelor of science in aerospace engineering from the University of Texas and is...

  • Neil Carleton, VE3NCE, of Almonte, Ontario, has been named to the Canadian Amateur Radio Hall of Fame. Radio Amateurs of Canada (RAC) says the honor recognizes radio amateurs' “outstanding achievement and excellence of the highest degree, for serious and sustained service to Amateur Radio in Canada, or to Amateur Radio at large.”RAC said Amateur Radio played an important role during Carleton’s ...

  • *** RSS DX ZONE

    Latest articles, reviews and links posted to The DXZone.com, an amateur radio, cb radio, scanning and shortwave radio, reference site The DXZone.com
  • Maldol MFB-300 HF vertical antenna review, World Map, DIY NVIS Antenna Using a Mag Mount, RadioSet-Go - Innovative QRP Radio Design, The Near Vertical Incident Skywave (NVIS) antenna, DIY Dual Band 144-440 MHz vertical antenna, HA8TKS DXCluster azimuthal map, Squarooka Antenna - squared bazooka for 2 meters band, Calculate Antenna Lenght in feet, inches and meters, Filter your Raspberry PI Transmitter, Homebrew Spectrum Analyzer

  • A recap of what happened about ham radio in the web this week

  • The current General Availability (GA) release is WSJT-X 2.0.0 The FT8 and MSK144 protocols have been enhanced in a way that is not backward compatible with older program versions.

  • A recap of what happened about ham radio in the web this week

  • 80m Vertical Antenna with Folded CounterPoise, Hentenna, FC-80B Linear Amplifier - An AL-80B Copy, UK HAM - Ham Radio Website, How to setup Yaesu FT-847 Doppler Control with PstRotator, End-Fed HalfWave Matching Unit for SOTA operations, DIY LiFePO4 Battery power for Amateur Radio portable operations, Jabra 9450 / 9460 PRO Wireless Headset for Ham Radio, Icom HM-36 Mod for ICOM IC-7200 and IC-7600, Ameritron AL-80B Amplifier Pics, The Near Vertical Incident Skywave (NVIS) antenna, Calculate Antenna Lenght in feet, inches and meters, Batteries for portable use, Repeater Temperature Monitor with Raspberry Pi

  • IC-R20 by Icom. Wideband Receiver Professional radioreceiver, allow double receiver, from HF to Microwave, digital recorde, DTCS, Memories and 11 hours countinuous reception.

  • Antennas/160MAn FCP is not magic. It has no gain. An FCP improves an antenna system by replacing more loss with less loss. Some have been able to erect better wires in the air because the small size of the FCP allowed better placement of the antenna.

  • Technical Reference/FiltersThis article shows how to make a mains filter that can be extremely effective in reducing and in some cases eliminating completely EMC from the electricity supplying your shack

  •  

     

    WebPages soci ARIPG

    I0NAA  Mario

    IK0FUX  Francesco

    I0GEJ  Lidio

    I0GEJ  Lidio on G+

    IK0UTM  Vanni

    IK0XBX  Francesco

    IK0YUT  Luigi

    IZ0ABD  Francesco

    IZ0DXD  Sergio

    Announced DX Operations 

     

    NEWS DX OPERATION

    DX News DX Information for DXers
    Free business joomla templates
    Buon Natale!!